Caricamento

Masterclass Operations Management

Non ci sono sessioni attive al momento

Overview

L’eccellenza operativa è una leva competitiva che, per diventare qualificante, presuppone una profonda conoscenza dei principi di gestione della produzione e della logistica; la masterclass esplora questi principi in dettaglio, con continui riferimenti a significative esperienze applicative in contesti aziendali che vanno dalla PMI alla multinazionale. Le worksession sono tenute per lo più da manager e imprenditori tutt’ora inseriti in aziende evolute per favorire l’immediata applicabilità delle competenze apprese al contesto lavorativo di ciascun partecipante. La didattica, fortemente orientata all’applicazione pratica dei principi teorici, prevede una continua interazione tra trainer e partecipanti e la condivisione delle esperienze favorirà l’innesto dei contenuti didattici nel vissuto delle realtà aziendali di provenienza.

Novità assoluta della seconda edizione sarà il factory lesson tour

Fondazione Aldini Valeriani infatti riserva ai partecipanti della Masterclass un “performance excellent tour”, lezioni vissute in aziende di successo con approfondimenti sui processi distintivi ad alta performance e condotte dalla voce dei manager.

Scarica  qui la brochure  Masterclass Operations Management 

Programma

Introduzione all'operations

Trainer: Andrea Bet, consulente direzionale e Founder della società di consulenza Leanbet. 
Durata: 2 ore

L’Operations Management è un’interessante miscela di uomini e macchine, di gestione del personale e di applicazione di sofisticate tecnologie, finalizzata alla creazione di valore, attraverso l’efficiente ed efficace realizzazione dì beni e servizi di qualità, con una crescente attenzione ai temi della sostenibilità ambientale e sociale. Questa dimensione è costituita dalle attività essenziali e tradizionali dell’azienda. Include funzioni come le vendite, il customer service, la finanza, la produzione e l’IT. La maggior parte dei
ricavi (e dei costi fissi) delle aziende deriva dalle attività gestionali. Gestire il business significa massimizzare l’efficienza, la produttività e la velocità operativa. In questo modulo si vuole affrontare questo tema ed introdurre coerentemente i successivi per apprezzare l’unicità e sequenzialità degli stessi.

Strategia e Operations

Trainer: Waldo Pagani, Logistics Director Elettrolux Professional
Durata: 2 ore

Per avere Operations efficienti ed efficaci è necessaria innanzitutto una elevata consapevolezza della Strategia Aziendale ed un forte allineamento alla stessa. Le Operations dovranno quindi essere in grado di interpretare correttamente le richieste del mercato per poterle declinare in azioni concrete al proprio interno. L’ascolto del Cliente e la comprensione dei criteri che guidano la sua scelta sono la base per la costruzione di una Visione operativa. La definizione di chiari e coerenti obiettivi di performance è indispensabile per poter competere in mercati sempre più esigenti e selettivi.

La Supply Chain e la gestione della domanda del mercato

Trainer: Waldo Pagani, Logistics Director Elettrolux Professional
Durata: 2 ore

Perchè un Cliente dovrebbe scegliere i vostri prodotti? Quali potrebbero essere i criteri che guidano la sua scelta? Come si può analizzare efficacemente la domanda del mercato? Come segmentare i prodotti e quali tecniche di gestione implementare? Come può la Supply Chain tradurre i bisogni del Cliente in specifiche produttive e distributive diventando così essa stessa un vantaggio competitivo per l’Azienda? Queste sono alcune delle domande alle quali si risponderà in modo pratico attraverso questo modulo.

Le soft skills in area operations

Trainer: Marisa Bergamini, Psicoterapeuta, consulente del lavoro e imprenditrice – Leanbet
Durata: 6 ore

Soft skills ed intelligenza emotiva: l’importanza delle emozioni e delle relazioni nella gestione del personale e nel successo del team. Gestione del personale: panoramica sui processi complessi che articolano l’acquisizione delle risorse umane in azienda, la loro amministrazione, valutazione e sviluppo; Best practices per ottimizzare il rapporto
tra il sistema delle risorse professionali disponibili e gli obiettivi da raggiungere e per arrivare a scegliere la persona giusta nel posto giusto. Integrazione tra persona e cultura aziendale e processo di onboarding. Leadership diffusa, dove il “NOI EFFICACE” prevale su un “io potente”; l’importanza del carisma, del senso di appartenenza e del senso di identità di gruppo come doveri di un leader.

La capacità di autoriflessione e la consapevolezza di sé come caratteristiche indispensabili per comprendere l’altro. Le competenze soft di un team leader. Comunicazione efficace e ascolto attivo. Dinamiche dei gruppi di lavoro. Il team, le dinamiche emotive, la gestione dei conflitti e le relazioni interpersonali. La coerenza nella
comunicazione e nei comportamenti; il coinvolgimento di tutte le persone nei processi aziendali. Negoziazione, potere ed influenza. Formazione dei gruppi e processi decisionali. Le trappole e gli assunti di base del gruppo. Il valore di un team funzionante. L’arte del domandare e il miglioramento continuo nelle relazioni.

 

KPI

Trainer: Giorgio Dorigo, board member di Steelco SpA
Durata: 6 ore

L’obiettivo è illustrare l‘esperienza di analisi ed implementazione di un sistema di KPIs (key performance indicators) multiplant in ambito operations .Verranno analizzati, non solo le linee guida di come impostare un sistema di indicatori, ma anche i percorsi per introdurre e far crescere una cultura della misurazione come colonna del miglioramento continuo. Si proporranno casi concreti di dashboard aziendali per monitorare i vari livelli aziendali dallo shop floor ai vertici.

Il flusso in area operations

Trainer: Alberto Chies, Head of production Quartz Industries per Tyrolit Vincent
Durata: 4 ore

Perseguire il flusso in un azienda è il terzo pilastro teorizzato da Womack e Jones per chiarire al meglio i principi del Toyota Production System. Avere la comprensione dettagliata del flusso delle attività di un’azienda per un operation manager è sicuramente un dovere ma se vista con il giusto stimolo è anche un’opportunità per perseguire obiettivi come miglioramento del delivery time o riduzione dei colli di bottiglia. Rendere tale flusso intelleggibile a tutti con la VSM è una delle pietre miliari da porre in un percorso di cambiamento o ottimizzazione. Ne parliamo in questo modulo tramite esempi pratici che faranno capire come in base alle declinazioni usate la “vsm” diventi strumento di analisi, miglioramento, visione, leadership.

Industrializzazione / Manutenzione e Kaizen Promotion Office

Trainer: Luca Campanaro, Manufacturing Excellence Director AW S Europe
Durata: 6 ore

L’industrializzazione è una funzione strategica nell’ambito Operations. Oggi, più che mai, è un partner fondamentale per spingere l’innovazione tecnologica (Industry 4.0…) all’interno delle organizzazioni. In questo modulo vedremo concretamente come questa funzione opera in sinergia con la Manutenzione e il CI per facilitare il processo dal concept di prodotto alla produzione. Durante il Factory Tour vedremo dei casi concreti di best practice in una realtà orientata al miglioramento continuo.

L’R&D in fabbrica

Trainer: Fabrizio Salton, R&D Manager presso SPM Drink Systems
Durata: 4 ore

La globalizzazione e le conseguenze della pandemia, stanno cambiando lo scenario mondiale nel quale le aziende si trovano ad operare. La progettazione agile e strutturata seguita da processi di sviluppo adeguati, l’interazione e l’armonia tra le varie funzioni aziendali assieme ad una supply chain reattiva, contribuiscono in maniera determinante e offrono degli strumenti diversi per fare fronte alle nuove sfide. Condivideremo assieme le esperienze di una multinazionale che da anni opera con successo rinnovandosi continuamente adottando nuove strategie organizzative.

Gestione delle scorte e dei processi di magazzino

Trainer: Waldo Pagani, Logistics Director Elettrolux Professional
Durata: 6 ore

Quali sono le funzioni delle scorte? Quali sono i loro impatti economico-finanziari? Quali sono i principi e le regole fondamentali della loro gestione? Il magazzino è solo un luogo dove stoccare della merce o è molto di più? Quali sono le tecniche più importanti e gli obiettivi di performance di un magazzino? In che modo contribuisce alla redditività Aziendale? Si vedranno casi concreti tratti dall’esperienza nella gestione quotidiana di magazzini di prodotto finito e magazzini di ricambi direttamente sul gemba aziendale.

L’apprendimento in azienda

Trainer: Christian Mancini, F ounder della società di formazione esperienziale Nature Rock
Durata: 6 ore

L’apprendimento esperienziale è il tipo di apprendimento che avviene grazie alle specifiche caratteristiche dell’attenzione che a sua volta è una delle qualità umane più nominate all’interno dei processi formativi. Ma cos’è l’attenzione e come funziona formalmente il cosi detto “learning by doing”? Esperienza significa learning by doing: quando s’impara facendo, mente, azione ed emozione interagiscono, fino a trovare il loro equilibrio. Sono questi i fondamenti dell’apprendimento esperienziale: una pratica didattica formativa in cui gli insegnanti diventano facilitatori di esperienze significative di apprendimento, ossia predispongono e accompagnano persone in percorsi in cui, facendo
attivamente, si impara e si cresce come persone.

L’apprendimento esperienziale è il tipo di apprendimento immediato e spontaneo che avviene grazie alle caratteristiche e ai movimenti dell’attenzione che a sua volta è una delle qualità umane più nominate all’interno dei processi formativi: ad esempio i docenti esigono l’attenzione dei partecipanti e la mancanza di attenzione alle lezioni è uno dei punti critici dell’insegnamento. Ma cos’è l’attenzione? L’attenzione è la nostra stessa vitalità, essa si manifesta come la scelta di dirigersi verso ciò che ci attrae. Se l’attenzione può raggiungere e riversarsi in quello che la attrae, dà inizio ad uno spontaneo processo di apprendimento reale, che coinvolge tutta la persona, avvince la curiosità, e si
trasforma in passione. L’attenzione ha un carattere intrinseco di libertà.

La gestione quotidiana dell’operations

Trainer: Matteo Cucchio, Site Manager presso azienda leader nel settore e-commerce
Durata: 4 ore

Spesso in azienda vengono formulati ottimi piani strategici che poi non trovano applicazione nella realtà operativa, oppure ci sono casi di operations estremamente efficienti ed organizzate che non hanno però una strategia di lungo periodo. E poi ci sono le persone, l’asset più importante e il più difficile da prevedere, gestire e coltivare nel lungo periodo.
L’obiettivo dell’incontro vuole mettere in luce come costruire una strategia che si declini in obiettivi operativi governabili nel day by day, mettendo le persone al centro.

La qualità

Trainer: Stefano Campanerut,  Quality Manager Gruppo Cimbali
Durata: 4 ore

La qualità deve essere considerata come pervasiva nell’operations. Delegare la qualità ad un unico ente è un limite di molte realtà industriali. Ognuno è responsabile della qualità in azienda. In questo modulo si andranno a condividere processi di gestione delle segnalazioni (mercato, scarti, problemi della produzione) e i relativi QIP (quality improvement program). Si tratteranno i miglioramenti qualitativi delle aree produttive, la gestione dei problemi tramite A3, l’utilità dei team operativi, l’importanza dei dati e la priorità delle attività di miglioramento.

La gestione del plant produttivo

Trainer: Christian Biscontin Chief Operations Officer Gruppo Cimbali
Durata: 6 ore

Come stanno cambiando le imprese? Persone, processi e tecnologie: come affrontare l’integrazione delle tecnologie digitali e dell’automazione collaborativa in maniera sostenibile? Quali sono le “fondamenta” irrinunciabili? Come evolverà il capitale umano all’interno delle aziende? Verrà dato il punto di vista di un direttore operations su come
accompagnare la trasformazione in logica Lean/KaiZen con un focus importante sulla Supply Chain (cliente al centro) e/o sulla Sicurezza (ergonomia).
La visita guidata in azienda permetterà di sedimentare tutti questi concetti

Digitalizzare le operations tramite WMS e MES

Trainer: Daniel Pagnan, Cofounder della software house Mox Solutions
Durata: 4 ore

L’applicazione di soluzioni di automazione logistica deve sempre essere anticipata dallo studio e dalla revisione dei processi logistici. Con un approccio pragmatico in questa direzione le soluzioni software adottate raggiungono il massimo degli obiettivi di miglioramento. In questa sessione descriveremo alcuni degli scenari aziendali critici in ambito logistico, dal ricevimento della materia prima, alla gestione della terziarizzazione di alcune fasi di lavoro, fino alla produzione del prodotto finito, passando per le attività di stoccaggio, prelievo e consegna. Dallo scenario espresso mostreremo alcuni approcci di automazione analizzando criticamente il singolo processo e mostrando le possibili soluzioni di revisione e di applicabilità. Il software diventa strumento e non fine dell’analisi, in tal senso vedremo esempi ed applicazioni sul campo della logistica di magazzino applicata a casi concreti.

In breve
date_range
Sessioni
Stay tuned. Contattaci per conoscere le prossime date.
gps_not_fixed
Area Tematica
FAV Masterclass
Product Specialist
person
Federica Cavicchi
phone
0514151911
mail
Scrivici

Profili

Industrial Manager
Skill Type
core skills

Allegati

Scarica
la scheda di iscrizione