Caricamento

IL PIANO DI WELFARE AZIENDALE

Overview

Nell’azienda 2030 gli imprenditori dovranno implementare adeguati piani di welfare per attrarre e trattenere talenti, mettendo al centro i bisogni dei dipendenti, sempre più alla ricerca di un work-life balance. I piani di welfare aziendale si riveleranno essenziali per creare uno spirito di appartenenza all’azienda e di condivisione degli obiettivi, ma anche per ottenere importanti benefici diretti ed indiretti. 
Ottimizzazione del costo del personale: le iniziative di Welfare Aziendale godono di significativi vantaggi fiscali.
Miglioramento della produttività del lavoro: i servizi di welfare sono un fortissimo fattore di motivazione, superiore ai tradizionali incentivi salariali.
Fidelizzazione: le iniziative di welfare aumentano l’attrattività dell’azienda e la sua capacità di fidelizzare le risorse, favoriscono l’inserimento di talenti e la loro permanenza in azienda (employer branding e talent retention).
Reputazione aziendale: le iniziative di Welfare Aziendale valorizzano il ruolo sociale dell’azienda nel territorio e ne rafforzano la reputazione nel mercato.

Programma

  • Welfare e Sistemi incentivanti. Il Piano di Welfare non è solo l’introduzione di due o tre benefit “a pioggia” per i dipendenti.
    Come costruire, revisionare, adeguare un sistema incentivante aziendale:
    L’ideazione di un disegno unitario e incentivante di benefit aziendali.
    La verifica e l’adeguamento di obiettivi, indicatori e modalità di gestione.
    Il confronto con i lavoratori e l’illustrazione del piano di welfare.
    Migliorare la produttività dei dipendenti tramite il welfare aziendale.
    Definizione e condivisione degli obiettivi strategici di breve e medio periodo: individuazione e validazione dei KPI per i ruoli coinvolti dal sistema incentivante.
    Forme di retribuzione e forme di incentivazione.
    Predisposizione e revisione degli strumenti: documenti di assegnazione, schede di valutazione, reportistica, tempi e modalità di verifica e riconoscimento.
    Le iniziative di welfare aziendale e il ruolo sociale dell’impresa.
    Il miglioramento della reputazione aziendale attraverso il benessere, la soddisfazione ed il coinvolgimento dei dipendenti.
  • Welfare aziendale: vantaggi e soluzioni defiscalizzate per le aziende.
    Principio di onnicomprensività del reddito da lavoro dipendente. Imponibilità fiscale (e contributiva) dei fringe benefit e delle liberalità.
    Fringe benefit e liberalità: disciplina fiscale dei principali fringe benefit.
    Premi di risultato, auto in uso promiscuo, abbonamento trasporti, servizi di utilità sociale, mensa aziendale, prestazioni sostitutive (Buoni Pasto) alloggi e trasferte.
    Gestione delle auto aziendali: uso strumentale, promiscuo e privato (esempio di accordo per l’utilizzo dell’auto aziendale). Le tabelle ACI dei FB. Il servizio di ricarica per l’auto elettrica.
    I rimborsi spese da trasferta di dipendenti e amministratori. Analisi degli effetti fiscali del rimborso delle varie categorie di spese (vitto, alloggio, viaggio, altre spese). Imponibilità per il dipendente, deducibilità dal reddito d’impresa e problematiche IVA in relazione alle note spese.
    Gli altri benefit: telefono cellulare e computer. I buoni acquisto ed i buoni carburante.
  • Tipologie di Welfare aziendale e Fringe benefit e liberalità in busta paga
    Welfare contrattuale e welfare unilaterale. Prerequisiti.
    Analisi dei fabbisogni dei lavoratori e l’individuazione degli strumenti di welfare necessari.
    Coinvolgimento generalità / categorie dei lavoratori.
    Fringe benefit e liberalità: disciplina contributiva e fiscale dei principali fringe benefit.
    Modalità di erogazione: Diretta. Voucher / Piattaforme WEB.
    Premi di Risultato e Welfare Aziendale
    Accordo Contratto e Regolamento istitutivo.
    Conversione (sostituzione) in benefit del premio di risultato.
    Contributi alla previdenza complementare e contributi versati per l’assistenza sanitaria.
    Calcolo dell’imposta sostitutiva su premi e somme agevolabili.
    Benefici contributivi e fiscali.
    Inquadramento generale delle problematiche legate alle trasferte dei dipendenti e dei collaboratori. Autorizzazioni e documentabilità delle trasferte.
    Disciplina dei rimborsi spese “da trasferta” di dipendenti ed amministratori: imponibilità fiscale e contributiva in busta paga. Disciplina dei rimborsi spesa in busta paga: indennità forfettaria ed analitica (piè di lista) e mista.
    Rimborso spese dipendenti in smart working. La distinzione tra trasferta e trasfertismo. Definizione di trasfertista e trattamento fiscale delle indennità (cenni).
In breve
date_range
Sessioni
Bologna, 27 febbraio, 5, 12 marzo 2024, 09.00-13.00

Bologna, 14, 18, 26 novembre 2024, 09.00-13.00
school
Docenti
Matteo Errigo
Filippo Cacciari
Fabio Petroncini
gps_not_fixed
Area Tematica
Risorse umane
Product Specialist

Sessioni

Data Orari Sede Durata
dal 27 Feb 2024 Guarda info e date dalle 09:00
alle 13:00
Bologna 12H
Informazioni

Orari

dalle 09:00
alle 13:00

Durata

12H

Luoghi

Via Bassanelli Sario, 11 40129 Bologna BO

Referente

Anna Masotti

Scrivici

Promozioni

Prezzo scontato per gli associati Confindustria Emilia Area Centro

Specifiche date e orari

27 febbraio, 5, 12 marzo 2024, 09.00-13.00

dal 14 Nov 2024 Guarda info e date dalle 09:00
alle 13:00
Bologna 12H
Informazioni

Orari

dalle 09:00
alle 13:00

Durata

12H

Luoghi

Via Bassanelli Sario, 11 40129 Bologna BO

Referente

Anna Masotti

Scrivici

Promozioni

Prezzo scontato per gli associati Confindustria Emilia Area Centro

Specifiche date e orari

14, 18, 26 novembre 2024, 09.00-13.00

Allegati

Scarica
la scheda di iscrizione