Caricamento
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Il successo di FID è diventato un film da red carpet

“Dare un altro orizzonte a chi, a un certo punto della sua vita, l’ha visto svanire”. 

E' con queste parole che Giorgio Italo Minguzzi, ideatore dell’iniziativa FID - Fare Impresa in Dozza - Impresa Sociale spiega come, dal 2005, la Fondazione Aldini Valeriani insieme a Marchesini Group, GD Spa e IMA, tre importanti realtà dell’industria del packaging, abbiano unito le forze per formare un’impresa sociale capace di aprire un’officina metalmeccanica all’interno del carcere maschile della Dozza. Con lo scopo di dare competenze tecniche avanzate in grado di offrire una reale opportunità di lavoro agli ex detenuti.

Il progetto prevede un periodo di formazione (il laboratorio "Azienda in carcere") gestito dalla Fondazione e successivamente l’assunzione a tempo indeterminato nell’officina della Dozza nella produzione di materiali per Marchesini Group, GD Spa e IMA. Un’esperienza unica che mira ad attuare il principio rieducativo del carcere dettato dalla nostra Costituzione, ad abbassare il grado di recidiva, promuovere la responsabilità sociale delle imprese italiane e dare nuove prospettive agli ex operai delle tre aziende oramai in pensione impiegandogli come volontari nell’assistenza tecnica ai detenuti che cercano di ripartire con la propria vita. 

Sull'onda del successo di questo progetto nel 2014 è nato il film "Meno male è lunedì" di Filippo Vendemmiati, presentato con grande successo nella sezione Prospettive Italia del Festival di Roma 2014.

 

In breve
event
Data
9 maggio 2018

TUTTO IL NUOVO CHE CI RIGUARDA