1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Contenuto della pagina

Cos'è un tirocinio

E' uno degli strumenti fondamentali per supportare l’inserimento lavorativo delle persone, in particolare dei giovani, e per sostenere le loro scelte professionali. Non si tratta di un rapporto di lavoro ma diuna modalità formativa che fa acquisire competenze attraverso la conoscenza diretta del mondo del lavoro. Si tratta di un’esperienza formativa individuale in azienda che offre molti vantaggi:

  • alle organizzazioni (Imprese, Enti Pubblici, Studi Professionali) consente di conoscere e valutare le competenze di possibili collaboratori e di costruire opportunità di sviluppo interno.
  • ai giovani, o a chi cerca lavoro, permette di entrare in contatto col mondo aziendale, per farsi conoscere e apprezzare, rafforzando la spendibilità del proprio curriculum formativo.

Tre tipologie

La Regione Emilia-Romagna ha recentemente approvato, il 19 luglio 2013, una nuova legge regionale, la n. 7, entrata in vigore il 16 settembre 2013 che modifica la propria legge n. 17 del 2005 nella parte riguardante i tirocini. Con l’entrata in vigore della legge 7, in Emilia-Romagna le tipologie di tirocinio diventano tre:

  • la prima, con finalità orientativa e formativa, è rivolta alle persone che hanno conseguito un titolo di studio negli ultimi dodici mesi;
  • la seconda è finalizzata all’inserimento o al reinserimento lavorativo di disoccupati, persone in mobilità, inoccupati;
  • la terza ha funzione di orientamento e formazione o di inserimento e reinserimento non solo lavorativo ma anche sociale in favore di persone con disabilità e in condizione di svantaggio.

La novità principale della nuova legge è il diritto del tirocinante a ricevere un’indennità per la partecipazine al tirocinio di importo non inferiore a € 450 mensili.

Cosa offre Fondazione Aldini Valeriani alle imprese

  1. Consulenza sulla normativa e sugli obblighi legislativi
  2. Analisi della posizione e della conformità con il Sistema Regionale delle Qualifiche
  3. Tempi rapidi di attivazione del tirocinio (massimo 3-5  giorni lavorativi)
  4. Attivazione assicurazioni obbligatorie (Inail e polizza sulla Responsabilità Civile deltirocinante)
  5. Predisposizione del Progetto Formativo e stipula della Convenzione fra “ente promotore” e “soggetto ospitante”
  6. Invio delle Comunicazioni obbligatorie previste
  7. Monitoraggio e supervisione periodica dell’andamento del percorso/progetto di tirocinio
  8. Possibilità di partecipare a laboratori sulle competenze trasversali
  9. Procedure di chiusura e di valutazione del percorso formativo
  10. Predisposizione ed invio dell’Attestato delle competenze/conoscenze acquisite

Fondazione Aldini Valeriani è a disposizione per...

  • servizio di valutazione delle competenze acquisite dal tirocinante (SRFC)
  • messa a disposizione del progetto di tirocinio di un Esperto di Processi Valutativi (EPV)
  • predisposizione della documentazione amministrativa obbligatoria inerente il Servizio di Valutazione e rilascio della scheda "Capacità e Competenze"
  • gestione e realizzazione di corsi in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro rivolti ai tirocinanti

Per informazioni

Corinne Baldovini, tel. 051.4151942, corinne.baldovini@fav.it
Silvia Guazzaloca. tel. 051.4151911, silvia.guazzaloca@fav.it