1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
 
Contenuto della pagina

Executive Coaching

 

ICoach è il nostro programma di executive coaching, rivolto a Imprenditori, Manager e Responsabili d’azienda. Che cosa è il coaching?
Dopo aver affiancato tanti coachee, persone impegnate a raggiungere obiettivi importanti, a ritrovare energia, a intraprendere nuovi progetti e nuovi ruoli,  ve lo presentiamo attraverso alcune immagini che alcuni di loro ci hanno suggerito:

 
Lo zoom

Quando ci rendiamo conto che stiamo disperdendo tempo e energie correndo verso una direzione nebbiosa, o peggio ancora sbagliata, lo sconforto e il senso di fatica hanno la meglio sul benessere.
Il coach sostiene il manager nel focalizzare obiettivi realistici, in linea con le proprie aspettative e con quelle organizzative.Saper visualizzare il risultato in modo preciso responsabilizza e motiva il manager ad elaborare le azioni e le strategie più adeguate per raggiungerlo con la massima determinazione.

Il compasso

Al manager viene chiesto di prendere decisioni rapide e giuste, ma spesso ciò avviene senza avere il tempo di raccogliere le informazioni e i pensieri, di valutare le alternative, di ragionare con saggezza. Il coach ascolta e riflette le argomentazioni del coachee affinché la decisione adeguata possa emergere da un percorso attento e solido. Attraverso feedback e domande mirate aiuta il coachee a ridisegnare il contesto problematico, invitandolo ad esplorare nuove prospettive e ad analizzare la medesima situazione da punti di vista differenti e nuovi.

Lo specchio

La leadership si impara attraverso l’abitudine al comportamento etico e corretto. Essere un leader riconosciuto significa acquisire metodi relazionali apprezzati e condivisi. Il coach è lo specchio che offre la scoperta dei propri valori personali, aiuta a migliorare il contesto relazionale, offre un punto di vista imparziale per identificare aree di forza e di criticità.

 
 

Il programma ICOACH è realizzato con il supporto dei Coach Esperti di Fondazione Aldini Valeriani, certificati all’International Coaching Federation.

Per quali ragioni avviare un percorso di coaching individuale

(le ragioni e i motivi sono liberamente adattati dal testo di L. Adani, M. Fabiano  Diventare Coach, edizioni F.Angeli, e rappresentano le  ragioni e i motivi che ispirano i percorsi di coaching offerti da FAV)

 

LO ZOOM - Per individuare obiettivi realistici e migliori
Raggiungere gli obiettivi prefissati rappresenta per ognuno di noi una grande soddisfazione. Quando invece ci rendiamo conto che stiamo disperdendo tempo e energie correndo verso una direzione nebbiosa o peggio ancora sbagliata lo sconforto e il senso di fatica hanno la meglio sul benessere…Il coach accompagna il manager nel fissare obiettivi realistici ed in linea con le proprie aspettative e con quelle organizzative, utilizzando le risorse disponibili e offrendo una visione attenta e accogliente dall’esterno.

LA FRECCIA - Per raggiungere velocemente i propri obiettivi
Quante volte ci è successo di essere travolti e tramortiti dalle incombenze quotidiane e quindi di vedere i nostri obiettivi più importanti allontanarsi?Il coach aiuta a mantenere l’attenzione concentrata su ciò che è irrinunciabile e a lavorare con determinazione per raggiungere la propria meta, nei tempi concordati.

IL COMPASSO - Per affrontare le incertezze e le sfide decisionali
Al manager viene chiesto di prendere decisioni rapide e giuste, ma spesso ciò avviene senza avere il tempo di raccogliere le informazioni e i pensieri, di valutare le alternative, di ragionare con saggezza. Il coach ascolta e riflette le argomentazioni del coachee affinché la decisione adeguata possa emergere da un percorso attento e solido.

LA BUSSOLA - Per ridurre la solitudine del manager
Il manager, il professionista, l’imprenditore, sono fondamentalmente persone che agiscono e decidono in solitudine. Non c’è team, o capo, o collega su cui possano fare completo affidamento. Il coach è un loro pari con il quale esplorare una nuova idea, esprimere preoccupazioni o scetticismi, fare programmi e scenari di business, con la serenità di poter riflettere ad alta voce e di poter esprimere le proprie ipotesi senza limiti e senza giudizi.

LO SPECCHIO - Per diventare un leader e un manager migliore
La leadership si impara attraverso l’abitudine al comportamento etico e corretto. Essere un leader riconosciuto significa acquisire metodi relazionali apprezzati e condivisi. Il coach è lo specchio che offre la scoperta dei propri valori personali, aiuta a migliorare il contesto relazionale, offre un punto di vista imparziale per identificare aree di forza e di criticità.

All’avvio di un percorso di executive coaching, il coachee e l’eventuale committenza (DG; HR), con l’accompagnamento del coach, definiscono quali sono gli obiettivi, e come misurare il risultato dell’attività in termini di impatto e rilevanza sul business. In particolare, si lavorerà a partire da questa domanda: In che cosa i suoi colleghi, il suo capo e la sua organizzazione potranno apprezzare i risultati del coaching? Qual è l’evidenza misurabile di un suo cambiamento o miglioramento?

 

I coach FAV certificati ICF (International Coach Federation)

Elisabetta Zanarini, elisabetta.zanarini@fav.it
tel. 051.4151957

 

Federico Bencivelli, federico.bencivelli@fav.it
tel. 051.4151947